S01E05: Il NewsTalk – EU AI Act, ultimi aggiornamenti (e ultimi blocchi)

Il Newstalk (single)
Il Newstalk (single)
S01E05: Il NewsTalk - EU AI Act, ultimi aggiornamenti (e ultimi blocchi)
Caricamento
/
Estratto del Newstalk dell'episodio S01E05 del podcast "Disruptive Talks": per vedere il programma completo della puntata, visita questa pagina. 
Iscriviti al podcast per non perdere nessun contenuto!

L’Unione Europea si trova di fronte a un momento critico per quanto riguarda la regolamentazione dell’intelligenza artificiale (IA). Il cosiddetto “AI Act”, ossia la proposta di regolamentazione sull’IA, rischia di essere compromesso a causa di un fenomeno di “cattura regolatoria”, in cui i governi sembrano agire nell’interesse delle grandi aziende piuttosto che nel pubblico interesse.

Cos’é l’EU AI Act?

L’EU AI Act è un’iniziativa legislativa proposta dalla Commissione Europea che mira a creare un quadro normativo per l’uso dell’intelligenza artificiale in Europa. L’obiettivo è garantire che l’IA sia sicura, trasparente, tracciabile, non discriminatoria e rispettosa dei diritti fondamentali delle persone e delle imprese. Il regolamento classificherebbe i sistemi di IA in base al livello di rischio, imponendo obblighi più o meno stringenti a seconda della categoria di rischio.

Analisi della situazione attuale

Recentemente, durante una riunione tecnica, si è verificato un blocco nelle trattative sull’AI Act, con la Francia e la Germania che si sono opposte fermamente a qualsiasi regolamentazione per i cosiddetti “modelli fondamentali” di IA. Questa resistenza sembra essere influenzata da aziende nazionali di IA con forti legami politici, come Mistral e Aleph Alpha. Di fronte a questo cambio di posizione, i rappresentanti del Parlamento Europeo hanno lasciato la sala riunioni in segno di protesta, considerando la regolamentazione dei modelli fondamentali una linea rossa da non superare.

Prospettive future

I prossimi giorni saranno cruciali per sbloccare la situazione e raggiungere un accordo prima del prossimo trilogo del 6 dicembre. Se non si trova una soluzione, potrebbe non esserci un AI Act in questa legislatura, e non è chiaro cosa accadrà nella prossima. Alcune capitali europee vedono la proposta come un eccesso di regolamentazione e potrebbero persino desiderare questo esito. Inoltre, mentre l’UE aveva inizialmente un vantaggio come pioniere nella regolamentazione dell’IA, altre potenze come gli Stati Uniti e il Regno Unito stanno emergendo come attori chiave, e l’UE rischia di perdere rilevanza in questo campo.
Se il blocco da parte di Macron e Scholz dovesse persistere, ogni incidente negativo legato all’IA generativa potrebbe portare a chiedersi se sarebbe potuto essere evitato con una regolamentazione più efficace. Il futuro dell’AI Act è incerto, e con esso la capacità dell’UE di mantenere un ruolo di guida nella governance globale dell’intelligenza artificiale.

Vedere il Newstalk S01E05 completo:

Vai direttamente agli altri Newstalk:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *